Visualizzazione post con etichetta Elvis. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Elvis. Mostra tutti i post

giovedì 20 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY - HIGH DEFINITION MUSIC CARD

Verrà pubblicato a partire dal 20 Gennaio 2019 dalla "MediaInVision" una nuova release sperimentale dal titolo "Elvis Presley - New Surround Collection", sotto forma di "High Definition Music Card", ossia una card musicale ad alta definizione.
Questo nuovo supporto sarà disponibile attraverso Amazon e conterrà la seguente avvertenza di non responsabilità: le pubblicazioni sperimentali dei più grandi artisti contenute in questa pagina sono prodotte solamente per ricerca di mercato e sviluppo e non pretendono di essere prodotti finali. Tutti i diritti sono garantiti nei limiti presentati".

Così viene presentato da Amazon questo nuovo prodotto:
Hai sentito parlare del nuovo formato che prenderà il posto dei CD e rivoluzionerà l'industria musicale per come la conosciamo adesso? 
Se ami la musica, hai un sacco di fonti da cui scegliere al giorno d'oggi. Ma se ami la musica veramente, probabilmente non sei soddisfatto della qualità del suono di quello che stai ascoltando. La tua frustrazione è paragonabile a quella di una persona che guarda un film in IMAX e 3-D in un cinema, e poi vede la stessa cosa sul suo smartphone...
Wow, che differenza.
Vedi, la High Definition Music Card si basa su una tecnologia avanzata che posiziona ogni suono in un unico luogo 3-D nello spazio. Bene, ora puoi ottenere quel tipo di esperienza 3-D nella musica usando la High Definition Music Card.
Sviluppata da Alexander Golberg Jero, vincitore del prestigioso premio "Surround Music Awards", la High Definition Music Card è un nuovo supporto in formato USB per ascoltare contenuti musicali, ed utilizza gli ultimi ritrovati nella riproduzione del suono surround, il quale non ha paragoni con nessun altro formato al mondo.
In aggiunta alla musica registrata, la High Definition Music Card può contenere fotografie in alta definizione, informazioni, software e link aggiuntivi per un'esperienza a 360 gradi.
E' talmente versatile, che la si può usare nei lettori blu-ray, laptops, sistemi home theater, stereo, cuffie e molto altro.
Se sei un artista oppure vuoi semplicemente il miglior suono possibile, hai bisogno della High Definition Music Card. 
Alexander Golberg Jero, la mente che sta dietro a molte strabilianti composizioni e l'innovatore di questo nuovo straordinario prodotto, descrive i primi passi dello sviluppo della High Definition Music Card.
Questa card utilizza la tecnologia USB che usiamo ogni giorno e la profonda conoscenza della tecnologia del suono surround per trasformare il modo in cui le persone ascolteranno la musica in qualsiasi luogo si trovino.
Gli ultimi 6 mesi sono stati impegnativi per lo sviluppo di questo progetto. Come risultato del supporto di Amazon, la High Definition Music Card ha avuto prototipi funzionanti sul loro sito web. Questo ha permesso di testare questa tecnologia sul mercato dei consumatori per aiutare a migliorare il prodotto prima di metterlo sul mercato globale.
C'è stata solo una campagna di marketing per creare consapevolezza di questo prodotto, dando informazioni riguardo gli aspetti più importanti.
Grazie a questi sforzi, sono stati stabiliti legami con i principali fornitori, incluse le maggiori etichette discografiche per le future pubblicazioni di alcuni dei più grandi artisti musicali.
Dati questi sviluppi le azioni di "MediaInVision PLC" sono state rese disponibili con un significativo ammontare di interesse per i futuri investitori.
I passi futuri in atto includono la creazione di un'interfaccia grafica utente per i lettori blu-ray ed un ulteriore aumento degli impegni sul piano del marketing.

Il nostro Elvis Presley rientra tra gli artisti più importanti sulla cui musica si può iniziare ad usare questa nuova tecnologia.
1 - Saved
2 - He Is My Everything
3 - I've Got Confidence
4 - So High
5 - Bosom of Abraham
6 - Let It Be Me
7 - The Wonder Of You
8 - T-R-O-U-B-L-E
9 - An American Trilogy
10 - I Got A Feelin' In My Body
11 - Teddy Bear / Don't Be Cruel

Limited Addition High Definition Music Card - Pubblicazione sperimentale - contiene:
1. 11.1 DTS-X Object Surround Mixes, 7.1 and 5.1 Configuration Comparable
2. Stereo FLAC 24bit 192Khz Resolution
3. Biography Videos
4. Stage Images
5. Playback Software for Surround Sound Files for Mac and PC
6. Support Links and Services
7. Public Folder --Editorial

mercoledì 19 dicembre 2018

ARENA EPE / CITTA' DI MEMPHIS - PRIMA SENTENZA

Il "Commercial Appeal", giornale di Memphis, ha pubblicato un articolo con gli ultimi sviluppi della vicenda inerente l'arena che la EPE vuole costruire.
Dopo aver annunciato i progetti per ospitare concerti live, di cui abbiamo dato notizia un paio di giorni fa, la Elvis Presley Enterprises ha ricevuto cattive notizie su un altro fronte.
Il Cancelliere della Contea di Shelby ha sentenziato contro la causa intentata dalla EPE, inerente la possibilità di costruire un'arena da 6200 posti senza violare il patto di non concorrenza con il FedEx Forum di Memphis.
Dopo la sentenza, il capo dell'ufficio legale di Memphis, Bruce McMullen, ha festeggiato la vittoria ed ha dichiarato:
"Non siamo sorpresi della decisione della Corte, poichè dubitavamo del valore della protesta della Elvis Presley Enterprises fin dall'inizio.
La EPE vuole che la Città di Memphis usi i soldi pubblici per costruire la sua arena. Questo violerebbe il nostro contratto con i Memphis Grizzlies nel gestire il FedEx Forum.
Non pensiamo che arrivare allo scontro sia la risposta. Abbiamo ed abbiamo sempre avuto la speranza di poterci sedere ad un tavolo e trovare un accordo che funzioni per tutti".
Ma l'avvocato della EPE, James McLaren, ha dichiarato al "Memphis Business Journal" che il suo cliente pensa che "la sentenza del Cancelliere non sia corretta e sta programmando di ricorrere in appello".
In altre parole, la EPE considera questa sconfitta come la perdita di una battaglia, ma non la fine della guerra.
In ogni caso, McMullen ha ragione: litigare non è la risposta. Oppure, se lo è, non è la migliore.
A parte il fatto che la EPE dovrebbe costruire l'arena con i suoi soldi, la soluzione migliore sarebbe che la EPE ed i Grizzlies ragionassero su cosa è meglio per Memphis nel suo complesso.
Se un'arena è fonte di problemi per il FedEx Forum, la EPE dovrebbe fermarsi. Se, invece, l'affondamento del FedEx Forum è del tutto improbabile, allora i Grizzlies dovrebbero fare concessioni.
Purtroppo la Elvis Presley Enterprises ha reso tutto molto personale, minacciando di finanziare un concorrente del Sindaco di Memphis Jim Strickland nel 2019 e chissà cos'altro.
Se un'arena a Graceland rende Memphis maggiormente una meta di concerti, il FedEx Forum potrebbe anche beneficiarne. 
Sarebbe ora di smetterla di ragionare in base a "prima io", ma ragionare in base a "prima Memphis".

Source: The Commercial Appeal

lunedì 17 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY - UN SALVAVITA PER I SUOI FANS

Per la gente comune, Elvis Presley è solamente un cantante e/o un marchio, come la Coca Cola, McDonald's e simili... Ma per alcuni fans di quelli più tosti, come la signora Bobbie Sue Clark, Elvis è una forza che può salvare la vita.
Una notte, molti anni fa, quando abitava in Oklahoma, il marito di Bobbie Sue la stava portando in pronto soccorso a causa di gravi complicazioni respiratorie.
Mentre stavano correndo verso l'ospedale, suo marito notò che lei stava facendo qualcosa con il suo telefono e le chiese cosa stesse facendo, in un momento difficile come quello.

La signora Clark racconta: "Dissi che stavo comprando una casa a Memphis! Lui mi disse 'Oh no...non lo stai facendo?!! Ed io gli risposi che lo stavo proprio facendo...e l'ho fatto! Prima di arrivare in ospedale, eravamo proprietari della casa a Memphis" ha raccontato la signora Clark.
La signora Clark adesso ha una casa a Memphis, a 3 minuti di distanza da Graceland ed ha raccontato che Elvis Presley le è stato di grande aiuto nei tanti problemi di salute che ha avuto: pensare a lui ed averlo nel cuore è stata una grande risorsa per lei.



GRACELAND - NUOVA COLLABORAZIONE E NUOVI PROGETTI

Graceland - intesa come Elvis Presley Enterprises - ha annunciato il desiderio di diventare la destinazione della musica di alto livello della zona. 
In collaborazione con LIVE NATION, Graceland Live porterà musica dal vivo sul palcoscenico del "Graceland Soundstage" e del "Graceland Guest House Theater".
Infatti, a partire dall'inizio del 2019, Graceland Live ospiterà icone, tour di artisti nazionali e stelle emergenti di tutti i generi musicali. 

"Memphis è stato l'epicentro di un gran numero di generi musicali e, con questo annuncio, abbiamo in programma di portare Memphis ai suoi antichi splendori, al centro della musica e della musica dal vivo" ha dichiarato Joel Weinshanker, Managing Partner, Graceland Holdings, LLC.
La prima serie di spettacoli verrà annunciata la settimana prossima.
Per rimanere aggiornati, il sito di riferimento è https://www.gracelandlive.com/ , con la possibilità di iscriversi alla newsletter, lasciando il proprio indirizzo email, per poter ricevere tutti gli aggiornamenti.

Il "Graceland Soundstage" è il centro dell'Elvis Presley's Memphis, un complesso dedicato all'intrattenimento delle dimensioni di 18.850 metri quadrati. All'interno del complesso si possono visitare musei, negozi e ristoranti dedicati ad Elvis Presley. 
Nel progetto di cui sopra, l'intenzione è quello di rendere questo complesso, ed il suo palcoscenico  - Graceland Soundstage - la destinazione principale dell'intrattenimento e della musica.

Il "Graceland Guest House Theater" è un luogo che ospita 464 posti a sedere e fa parte del "Guest House At Graceland", il secondo hotel più grande di Graceland ed un resort di lusso.

sabato 15 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY - PREMIATO IL SINGOLO "BLUE CHRISTMAS"

Il singolo di Elvis Presley "Blue Christmas", che è rientrato all'inizio di questa settimana nelle classifiche inglesi, nella "UK Streaming Top 100", è stato premiato con il "Silver Single Award" (il disco d'argento) dalla BPI Inglese - British Phonografic Industry - per aver venduto oltre 200.000 copie, streaming, più download digitali, più copie fisiche, a partire dalla sua pubblicazione, avvenuta il 18 Novembre 2004.

venerdì 14 dicembre 2018

CD - ELVIS PRESLEY: ORIGINAL RECORDINGS

E' stato nuovamente pubblicato il set da 2 CD "Elvis Presley - Orignal Recordings", già distribuito nel 2007 nella serie Icon Budget.
Le canzoni dei due CD:
CD 1:
Heartbreak Hotel - Hound Dog - Rip It Up - Don't Be Cruel - My Baby Left Me - Love Me - That's All Right (Mama) - Lawdy, Miss Clawdy - Poor Boy - I Don't Care If The Sun Don't Shine - Anyplace Is Paradise - I'm Left, You're Right, She's Gone - Blue Moon - Long Tall Sally - Mystery Train - I Was The One - Trying To Get To You - Baby Let's Play House - Any Way You Want Me (That's How I Will Be) - One-Sided Love Affair - I'm Gonna Sit Right Down And Cry (Over You) - Just Because - I Want You, I Need You, I Love You - Money Honey

CD 2:
Good Rockin' Tonight - Blue Suede Shoes - How's The World Treating You - I Got A Woman - Paralyzed -  Ready Teddy - Let Me - First In Line - Blue Moon Of Kentucky - Shake, Rattle And Roll - You're A Heartbreaker - Old Shep - How Do You Think I Feel - We're Gonna Move - I'm Counting On You - Milkcow Blues Boogie - When My Blue Moon Turns To Gold Again - I Love You Because - Tutti Frutti - I Forgot To Remember To Forget - I'll Never Let You Go (Little Darlin') - So Glad You're Mine - Love Me Tender

mercoledì 12 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY - CLASSIFICHE US BILLBOARD DELLA SETTIMANA


CLASSIFICHE US BILLBOARD:

  • CLASSIFICA BILLBOARD ALBUM TOP 200: "It's Christmas Time" sale dalla posizione 52 alla 45
  • CLASSIFICA BILLBOARD ALBUM SALES: "It's Christmas Time" sale dalla posizione 55 alla 39
  • CLASSIFICA BILLBOARD ARTIST: Elvis Presley (come artista) sale dalla posizione 40 alla 26
  • CLASSIFICA US BILLBOARD TOP COUNTRY ALBUM: "It's Christmas Time" è alla posizione 2
  • CLASSIFICA US BILLBOARD TOP COUNTRY ALBUM: "The Classic Christmas Album" è alla posizione 29
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY ALBUM: "Elvis '68 Comeback Special" entra alla posizione 38
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY CATALOG ALBUM TOP 25: "It's Christmas Time" sale dalla posizione 4 alla 2
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY CATALOG ALBUM TOP 25: "The Classic Christmas Album"  rimane stabile alla posizione 5
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY CATALOG ALBUM TOP 25: "Elvis: Ultimate Christmas Album" sale dalla posizione 18 alla 13
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY CATALOG ALBUM TOP 25: "Merry Christmas, Love Elvis" sale dalla posizione 16 alla 15
  • CLASSIFICA US BILLBOARD COUNTRY CATALOG ALBUM TOP 25: "Elvis: '68 Comeback Special - 50th Anniversary Edition" entra in classifica alla posizione 21


CLASSIFICA IN CANADA:

  • CLASSIFICA CANADIAN ALBUM: "The Classic Christmas Album" sale dalla posizione 80 alla 49

martedì 11 dicembre 2018

KIERAN DAVIS - NUOVI LIBRI DEDICATI AD ELVIS PRESLEY

Dopo una lunga pausa, l'autore Kieran Davis sta lavorando per aggiornare un suo libro ed anche ad un nuovo progetto.
Ha confermato, infatti, la creazione di un nuovo libro dal titolo "Champaign - 1976", che dovrebbe essere pubblicato nel primo quadrimestre del 2019 e l'aggiornamento del suo libro "On Tour November 1971", che verrà ampliato con altre 100 pagine.
Quest'ultimo dovrebbe essere disponibile nella prima metà del 2019.
L'autore ha, inoltre, pronte altre due pubblicazioni, focalizzate sui tours di Elvis Presley di Aprile 1972 e Marzo 1974. I libri sono in edizione limitatissima - 100 copie.
Kieran Davis presenta così i suoi nuovi progetti:
Il mio sito web non è stato ancora aggiornato. Ci sono stati problemi di incompatibilità con alcuni browsers, ed è per questo motivo che alcuni link non funzionano. 
Sto cercando di risolvere il problema e spero di poter aggiornare tutto con l'inizio dell'anno.
Saranno aggiunti anche aggiornamenti ed informazioni sulle nuove pubblicazioni.
La stampa iniziale di "Elvis On Tour October 1976" sarà di 100 copie, ma se ci sarà sufficiente interesse, verrà fatta un'altra stampa.
Sì, sto lavorando sui tours di Aprile 1972 e Marzo 1974 e ad una edizione aggiornata ed ampliata di "On Tour November 1971", con circa 100 pagine aggiuntive".
Per richiedere il libro, potete inviare un'email all'autore tramite il suo sito: clicca qui!


ELVIS PRESLEY - RELEASES FTD NOVEMBRE 2018 / PUBBLICATE

Le nuove releases dell'etichetta FTD sono state pubblicate.

DOPPIO CD "FOR ELVIS FANS ONLY": in edizione super!
DISC 1: The Original Album: 
Side 1: 
01 That’s All Right - 02 Lawdy, Miss Clawdy - 03 Mystery Train - 04 Playing For Keeps - 05 Poor Boy 
Side 2: 
06 My Baby Left Me - 07 I Was The One - 08 Shake, Rattle And Roll - 09 I’m Left, You’re Right, She’s Gone - 10 You’re A Heartbreaker
Bonus Tracks:
11 That’s All Right (Takes 1-3) - 12 Harbor Lights (Take 7) - 13 I’m Left, You’re Right, She’s Gone (Slow Version Takes 4 & 5/M) - 14 When It Rains, It Really Pours
 

For Radio Fans Only Live Performances 1954-1955: 
15 That’s All Right - October 16, 1954 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
16 Blue Moon Of Kentucky - October 16, 1954 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
17 Fool, Fool, Fool - January 6, 1955 - Radio Station KDAV, Lubbock, Tx 
18 Hearts Of Stone - January 15, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
19 Shake, Rattle And Roll -  January 19, 1955 - Radio Station WJOI, Florence, Al 
20 Money Honey - January 22, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
21 I Don’t Care If The Sun Don’t Shine - January 22, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
22 Little Mama - Likely March 5, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
23 You’re A Heartbreaker - Likely March 5, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
24 Good Rockin’ Tonight - Likely March 19, 1955 - Eagles Hall, Houston, Tx 
25 I Got A Woman - Likely March 19, 1955 - Eagles Hall, Houston, Tx 
26 Tweedlee Dee - April 30, 1955 - The Louisiana Hayride (Remote), Gladewater High School, Gladewater 
27 I’m Left, You’re Right, She’s Gone - July 2, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
28 Baby Let’s Play House - August 20, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport 
29 Maybellene - August 20, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport
30 I Forgot To Remember To Forget - October 29, 1955 - The Louisiana Hayride, Municipal Auditorium, Shreveport
Disc 2: For Tv Fans Only Live Performances - 1956 Stage Show (CBS) (A.K.A. The Dorsey Brothers Show): 
01 Shake, Rattle And Roll/Flip, Flop And Fly - January 28, 1956, CBS Studio 50, New York 
02 I Got A Woman - January 28, 1956, CBS Studio 50, New York 
03 Baby Let’s Play House - February 4, 1956, CBS Studio 50, New York 
04 Tutti Frutti - February 4, 1956, CBS Studio 50, New York 
05 Blue Suede Shoes - February 11, 1956, CBS Studio 50, New York 
06 Heartbreak Hotel - February 11, 1956, CBS Studio 50, New York 
07 Tutti Frutti - February 18, 1956, CBS Studio 50, New York 
08 I Was The One - February 18, 1956, CBS Studio 50, New York 
09 Blue Suede Shoes - March 17, 1956, CBS Studio 50, New York 
10 Heartbreak Hotel - March 17, 1956, CBS Studio 50, New York 
11 Money Honey - March 24, 1956, CBS Studio 50, New York 
12 Heartbreak Hotel 1:43 March 24, 1956, CBS Studio 50, New York 

The Milton Berle Show (NBC-Tv): 
13 Shake, Rattle And Roll - April 3, 1956, The U.S.S. Hancock, Naval Station, San Diego 
14 Heartbreak Hotel - April 3, 1956, The U.S.S. Hancock, Naval Station, San Diego 
15 Blue Suede Shoes - April 3, 1956, The U.S.S. Hancock, Naval Station, San Diego 
16 Hound Dog - June 5, 1956, NBC Color City Studios, Burbank 
17 I Want You, I Need You, I Love You 3:30 June 5, 1956, NBC Color City Studios, Burbank 
The Steve Allen Show (NBC-Tv): 
18 I Want You, I Need You, I Love You - July 1, 1956, The Hudson Theatre, New York 
19 Hound Dog - July 1, 1956, The Hudson Theatre, New York German Home Recordings Bad Nauheim, Germany 
20 He Knows Just What I Need  
21 Cool Water (Fragments)  
22 Like A Baby (1 Verse)  
23 Return To Me (Fragments)  
24 Her Hand In Mine 
25 His Hand In Mine  
26 Her Hand In Mine  
27 If I Didn’t Care  
28 Are You Sincere  
29 Are You Lonesome Tonight?  
30 Stand By Me (Fragments) 


DOPPIO CD "ELVIS: HOLIDAY SEASON IN VEGAS (HILTON HOTEL '75): 
focalizzato sugli spettacoli di Elvis Presley del 13 Dicembre 1975 (Midnight Show) e 06 Dicembre 1975.

La qualità è soundboard, ma con qualche imperfezione.


DISC 1 - MIDNIGHT SHOW – DECEMBER 13/1975: 
01 C.C. Rider - 02 I Got A Woman/Amen - 03 Love Me - 04 Trying To Get To You - 05 And I Love You So - 06 All Shook Up - 07 (Let Me Be Your) Teddy Bear/Don’t Be Cruel - 08 You Gave Me A Mountain - 09 Help Me Make It Through The Night - 10 Polk Salad Annie - 11 Introductions - 12 Just Pretend - 13 How Great Thou Art - 14 Burning Love - 15 Hound Dog - 16 Softly, As I Leave You - 17 America - 18 It’s Now Or Never (Aaron Schroeder/Wally Gold) - 19 O Solo Mio - 20 Little Darlin’ - 21 Little Sister - 22 Can’t Help Falling In Love 

DISC 2 - DECEMBER 06/1975: 
01 C.C. Rider - 02 I Got A Woman/Amen - 03 Love Me - 04 Fairytale - 05 Instrumental - 06 And I Love You So - 07 Trying To Get To You - 08 All Shook Up - 09 (Let Me Be Your) Teddy Bear/Don’t Be Cruel - 10 One Night - 11 Polk Salad Annie - 12 Introductions - 13 Just Pretend - 14 How Great Thou Art - 15 Burning Love - 16 Softly, As I Leave You - 17 America - 18 Can’t Help Falling In Love (last bars missing)



DOPPIO VINILE "ELVIS - CAFE' EUROPA SESSIONS - G.I. BLUES VOL. 2": 
doppio vinile in edizione limitata. Il vinile è di 180 grammi e contiene ulteriori outtakes provenienti dalle sessions di registrazione della colonna sonora.


DISCO 1: LATO A: 
01 G.I.Blues (take 6) - 02 Tonight Is So Right For Love (take 8) - 03 What’s She Really Like (takes 14-16) - 04 Frankfort Special (remake, takes 9-10/M) - 05 Pocketful Of Rainbows (version 1, take 17) - 06 Tonight’s All Right For Love (take 6) - 07 Wooden Heart (‘Gramafunken version’- instr.) 
LATO B: 
01 Doin’ The Best I Can (takes 10-12) - 02 Shoppin’ Around (takes 1,2) - 03 Whistling Blues (instrumental) - 04 Pocketful Of Rainbows (version 1, takes 26-28) - 05 Tonight’s All Right For Love (takes 7-8) - 06 Big Boots (fast version, takes 6,5)
DISC 2:
LATO C: 
01 What’s She Really Like (takes 17-19/M + insert takes 20-22/M) - 02 G.I.Blues (takes 2-4) - 03 Tonight Is So Right For Love (take 9) - 04 G.I.Blues (take 7/M + pick up takes 8-10/M) 
LATO D: 
01 Shoppin’ Around (takes 3-5) - 02 Big Boots (medium tempo, take 1) - 03 Tonight’s All Right For Love (Tales From Vienna Woods, instr.) - 04 Frankfort Special (remake, takes 6-8) - 05 Tonight’s All Right For Love (takes 14-15) - 06 Tonight’s All Right For Love (takes 16-17) - 07 Shoppin’ Around (finale version, take 14/M, from acetate)




LIBRO + CD "THE WILD ONE '56": Nel CD sono contenuti la seconda apparizione all'Ed Sullivan Show e l'esibizione al "Tupelo Fair".

Seguendo il successo del precedente libro "Rebel With A Cause" dell'inizio dell'anno, questo libro, ad opera di David English e Pal Granlund, è composto di 228 pagine e fantastiche fotografie, tra cui 60 scoperte recentemente.

lunedì 10 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY ILLUMINA LE STRADE DI FRIEDBERG - GERMANIA

Ne avevamo dato velocemente notizia sulla nostra pagina Facebook qualche giorno fa, ma questa bellissima iniziativa merita qualche riga in più.
A Friedberg, a nord di Francoforte, due immagini stilizzate di Elvis Presley sono diventate protagoniste in città! Queste immagini, infatti, sono state riprodotte come luci dei semafori per aiutare i pedoni ad attraversare la strada.
Questi semafori sono stati installati, in particolare, nella zona di Elvis Presley Platz.
Marion Gotz, politica locale, ha dichiarato ai giornali che le luci per i semafori sono costate circa 900 euro.
Qualcuno si è chiesto perchè la città abbia dato spazio a questa iniziativa; la risposta è semplice: Elvis Presley ha soggiornato come soldato a Friedberg da Ottobre 1958 a Marzo 1960 ed ha abitato a Bad Nauheim durante quel periodo e nessuno si è ancora dimenticato di lui, anche perchè i visitatori, fans del re del rock'n'roll, che si recano in quei luoghi ancora oggi sono moltissimi.

DOCUMENTARIO "THE KING" - NOMINATION GRAMMY

Il docu-film "The King", diretto da Eugene Jarecki,  che ha suscitato molte polemiche negli ultimi mesi, è in nomination per ricevere un Grammy Award nella categoria "Music Video/Film" come miglior film.
Questa categoria è focalizzata principalmente su concerti o documentari di carattere musicale e, solitamente, vengono premiati gli artisti, il regista ed il produttore.
In questo caso specifico, per questo film in cui Elvis Presley fa da figura metaforica per descrivere, secondo la visione del regista, il declino dell'America, il premio può essere  vinto da:
Eugene Jarecki - come regista
Christopher Frierson, Georgina Hill, David Kuhn e Christopher St. John - come produttori video.
Qualora non ci fosse, si dovrebbe creare anche un premio per le fonti di ispirazione! Se così fosse, Elvis Presley sarebbe in pole position per la vittoria molto più spesso di quanto si pensa!

Lo scorso Luglio il giornale di Memphis "The Commercial Appeal" si era espresso così:Descritto come devastante (Time Magazine), selvaggiamente ambizioso (New York Times), il film "The King", che debutta venerdì al Malco Studio, è diverso da tutte le dozzine di documentari su Elvis Presley, film drammatici e parodie che l'hanno preceduto.
Come già detto in altri articoli, il regista - - noto per i suoi documentari politici come "The Trials of Henry Kissinger" e "Why We Fight" - viaggiando sulla Rolls-Royce appartenuta ad Elvis Presley, trasforma la biografia del re del rock'n'roll in una biopsia di un Paese in declino.
Il film racconta che l'America, come Elvis, ha sperperato il suo talento, il suo potenziale ed ha tradito la promessa del suo glorioso inizio.
Girato nell'arco di circa 2 anni in luoghi simbolo della vita e carriera di Elvis Presley  - come Tupelo, Nashville, New York, Hollywood, Bad Nauheim (Germany) ed, ovviamente, Memphis - il film arriva in America circa un anno dopo il suo debutto al Festival del Cinema di Cannes, dove venne presentato con il titolo "Promised Land".
Il regista ci tiene a precisare che la proiezione a Memphis è quella per lui più significativa. Ecco perchè è tornato in città questo fine settimana: per presentare il film e rispondere a tutte le domande, dopo la proiezione delle ore 19.
"Questa è la vita e la morte per me, questo film, questo soggetto" ha detto Jarecki, in un'intervista telefonica da Los Angeles. "Ed il legame tra Memphis ed Elvis è fondamentale per quello che sto facendo".
Ha inoltre dichiarato che lui e la sua troupe hanno girato circa 2600 ore di film, la maggior parte delle quali a Memphis. 
"Ci siamo presi il nostro tempo a Memphis. Non c'è bisogno che vi dica il significato che ha Memphis nella storia di Elvis. E' l'epicentro dello scambio e della musica tra il Nord ed il Sud.
L'attore e fan di Elvis Ethan Hawke, è presente in molte scene, tra cui quelle della visita agli studi Sun Records, alla Humes High School, alla Stax Music Academy, dove gli studenti si ammucchiano dentro la Rolls-Royce e cantano due canzoni - "Chain Of Fools" di Aretha Franklin e "Memphis Train To Heaven", una canzone originale dell'istruttore dell'accademia Justin Merrick.
"Tutto è  iniziato con il mio amore per Elvis e per l'America, e la convinzione che non c'è mai stato nessuno più emblematico per la storia americana ed il sogno americano di Elvis", ha detto il regista.
"Ho visto una metafora, ho visto un'immagine poetica di come il nostro figlio più amato fosse stato alla fine ferito dal potere e dai soldi, e come tutti noi siamo rimasti feriti dal potere e dai soldi. Il film è una lettera d'amore al Paese, una lettera d'amore ad Elvis, ma una vera lettera d'amore ha anche un po' di amore violento".
Ad un certo punto del film, il biografo di Elvis Presley - Peter Guralnick - (autore dei due volumi "Ultimo Treno Per Memphis" e "Amore senza freni") - collega in modo stravagante, ma anche convincente, Elvis, Herman Melville e la Dichiarazione di Indipendenza.
"Lui è una metafora vivente di qualsiasi immagine dell'America tu possa disegnare", sottintendendo che Elvis Presley ha incarnato la promessa di vita, libertà e della ricerca della felicità.
Jarecki aggiunge: "Lui è un ammonimento. Se lo ami, non vuoi che quello che è successo a lui, succeda a noi".
Dopo aver letto tutto questo articolo, la domanda che mi sorge come fan di Elvis Presley, e che giro anche a voi altri fans, è: a prescindere dalle idee politiche del regista Eugene Jarecki riguardo l'attuale Presidente americano, che a noi non interessano in questa sede, davvero Elvis è una figura da guardare come un ammonimento? Qualcuno a cui non voler assomigliare?
Siamo sicuri che sia davvero questo il modo di guardare ad Elvis Presley, a quello che ha dato al mondo a livello umano ed artistico? E' giusto usarlo come termine di paragone per una società che, secondo il regista, sta andando in sfacelo?

LIBRO - LAS VEGAS '56 / ANTEPRIMA

E' prevista a breve la pubblicazione del nuovo libro di Erik Lorentzen, "Las Vegas '56", già annunciato lo scorso Ottobre.
Il libro è focalizzato sulla prima esperienza di Elvis Presley a Las Vegas, quel 23 Aprile 1956 al Frontier Hotel. 
Fu un'esperienza a dir poco infelice per il re del rock'n'roll, un'esperienza che lo segnò per parecchio tempo.
In queste foto vediamo, in anteprima, alcune delle pagine pubblicate nel libro.







sabato 8 dicembre 2018

ELVIS PRESLEY - IN CLASSIFICA...ANCHE NEL PARLAMENTO OLANDESE

Il Parlamento Olandese, composto da 150 deputati, ha presentato la lista delle loro 150 canzoni preferite.
Elvis Presley si è piazzato dalla posizione 54 con "Suspicious Minds" ed alla posizione 89 con "Burning Love".

Ed a proposito di classifiche...
BELGIO:
CLASSIFICA BELGIAN ALBUM TOP 200: Box "Elvis - '68 Comeback Special - 50th Anniversary Edition" entra in classifica alla posizione 128
CLASSIFICA MID-PRICE ALBUM: "Top 40 Elvis - His Ultimate Top 40 Collection" esce dalla classifica


US BILLBOARD:
CLASSIFICA US BILLBOARD ARTIST: Elvis Presley sale dalla posizione 58 alla 40.

UK, SCOZIA ED IRLANDA:
CLASSIFICA OFFICIAL SCOTTISH ALBUM: "Christmas Peace" scende dalla posizione 56 alla 66
CLASSIFICA OFFICIAL IRISH ALBUM: "ELV1S 30 #1 HITS" rientra in classifica alla posizione 94
CLASSIFICA IRISH MUSIC DVD: "Elvis - The Searcher" rimane in vetta alla classifica!

AUSTRALIA:

CLASSIFICA AUSTRALIAN MUSIC DVD: "Elvis: The King Of Rock'n'Roll" DVD rimane stabile alla posizione 20

VINILE - FROM ELVIS PRESLEY BOULEVARD MEMPHIS TENNESSEE

L'etichetta Music On Vinyl, dopo la pubblicazione su vinile blu dell'album "From Elvis Presley Boulevard Memphis Tennessee", l'etichetta ha pubblicato, il 07 Dicembre 2018, nuovamente lo stesso album.
Le canzoni:
LATO A:
Hurt - Never Again - Blue Eyes Crying In The Rain - Danny Boy - The Last Farewell
LATO B:
For The Heart - Bitter They Are, Harder They Fall - Solitaire - Love Coming Down - I'll Never Fall In Love Again

mercoledì 5 dicembre 2018

CANALE NBC - ALL STAR TRIBUTE TO ELVIS PRESLEY

L'eco per il 50° anniversario del " '68 Comeback Special" di Elvis Presley si fa ancora sentire...
La notizia era già circolata lo scorso Ottobre - clicca qui per leggere le informazioni di Ottobre - ed ora se ne parla ancora!
Il canale NBC festeggerà il 50° anniversario del " '68 Comeback Special" di Elvis Presley con un programma dal titolo "ELVIS - ALL STAR TRIBUTE SPECIAL" che verrà trasmesso Domenica 17 Febbraio 2019.
Il programma sarà condotto da Blake Shelton.

Lo special di Elvis Presley, dal titlo originale "Singer Presents...ELVIS", trasmesso il 03 Dicembre 1968, era stato sponsorizzato dalla famosa marca di macchine da cucire.
In seguito conosciuto come " '68 Comeback Special", lo spettacolo è diventato la prima apparizione televisiva del re del rock'n'roll dal 1961.
"Ho sempre voluto fare un tributo a questi spettacoli, ed il 50° anniversario è l'occasione perfetta!" ha detto il produttore Ken Ehrlich, che è stato subito entusiasta dell'idea fin da quando gli è stata proposta un anno fa.
"Ci sono solo pochi momenti nella storia della televisione che si possono definire iconici" ha aggiunto.
"Abbiamo cercato di avvicinarci il più possibile all'impronta originale", ha dichiarato ancora Ken Ehrlich, che ha leggermente ingrandito il palco originale della NBC da una misura di 12x12 a 14x14 piedi.
Steve Binder e Mike Stoller erano tra gli ospiti invitati alla prova di registrazione agli studi della Universal il mese scorso.
La lista completa degli artisti verrà annunciata agli inizi dell'anno prossimo.

martedì 4 dicembre 2018

E' DECEDUTA MICHELE CAREY

Michele Carey, che ha lavorato insieme ad Elvis Presley nel film "Live A Little Love A Little", è morta il 21 Novembre 2018 all'età di 75 anni.
La notizia è passata un po' in sordina per qualche giorno, ma alla fine è stata confermata.
Sul suo profilo Facebook, che potete visitare cliccando qui, la notizia è stata data solamente pochi giorni fa, il 01 Dicembre.
Nel messaggio postato da Michael Anthony si legge:
"Oggi mi tocca il compito più triste, uno di quelli che speravo di non dover mai fare durante la mia vita, ossia dare la notizia ai molti amici e fans di Michele Carey che ciò che avete letto on line è terribilmente vero.

Michele è morta il 21 Novembre con accanto la sua famiglia alla tenera età di 75 anni.
Come molti di voi sanno, dopo aver lasciato Hollywood nel 1986, Michele ha continuato a condurre una vita riservata, lontanissima dai riflettori. Durante la sua meravigliosa vita, Michele è stata un'anima buona che ha amato la vita ed ha trascorso il suo tempo con i suoi amici più cari e la sua famiglia.
Oggi siamo profondamente tristi per la sua improvvisa ed inaspettata scomparsa, ma ci conforta sapere che ha vissuto la sua vita appieno.
Riposa in pace, mia cara Michele, mancherai profondamente a moltissime persone in tutto il mondo".

ESTELLE BROWN - LOUISIANA WALK OF STARS

Estelle Brown, componente di lunga data delle "Sweet Inspirations" ancora in vita, verrà inserita nella "Louisiana Walk Of Stars" al Municipal Auditorium di Shreveport il 06 Dicemnbre 2018.
La cerimonia avverrà all'interno del museo situato nella lobby dell'Auditorium al 705 di Elvis Presley Avenue a Shreveport.
Estelle ha lavorato con Elvis Presley dal 1969 al 1977 ed ancora oggi si esibisce dal vivo, tanto che farà parte del "James Brown Christmas Concert: Memories Of Elvis", che avrà luogo Sabato 08 Dicembre al Margaritaville Resort Casino di Bossier City.


VINILE - ELVIS CHRISTMAS ALBUM

Viene pubblicato dall'etichetta Bellevue Publishing un'edizione esclusiva Amazon del vinile "Elvis Christmas Album".
Le canzoni:
LATO A:
Santa Claus Is Back In Town / White Christmas / Here Comes Santa Claus (Right Down Santa Claus Lane) /  I'll Be Home For Christmas / Blue Christmas / Santa Bring My Baby (Back To Me)


LATO B:
Oh Little Town Of Bethlehem / Silent Night / (There'll Be) Peace In The Valley (For Me) / I Believe / Take My Hand, Precious Lord / It Is No Secret (What God Can Do)

VINILE - ELVIS: 40 GOLDEN CLASSICS

Viene pubblicato dall'etichetta Bellevue Publishing il doppio vinile "Elvis - 40 Golden Classics".

Le canzoni dell'album:
LATO A:
It's Now Or Never / Return To Sender / (Let Me Be Your) Teddy Bear / Are You Lonesome Tonight? / Hound Dog / King Creole / Marie's The Name (His Latest Flame) / I'm Left, You're Right, She's Gone / All Shook Up / That's Alright Mama


LATO B:
Jailhouse Rock / Blue Suede Shoes / Heartbreak Hotel / Wooden Heart  / One Night / Rock A Hula Baby / I Want You, I Need You, I Love You / Loving You / Paralyzed / Baby Let's Play House


LATO C:
Love Me Tender / Blue Moon / Good Luck  Charm / A Mess Of Blues / Surrender (Torna Surriento) / Got A Lot Of Livin' To Do / Stuck On You / A Big Hunk O' Love / Have I Told You Lately That I Love You / Blue Hawaii


LATO D:
Can't Help Falling In Love / Don't Be Cruel / Hawaiian Wedding Song / Don't / Party / Hard Headed Woman / Too Much / She's Not You / Wear My Ring / Around Your Neck / I Love You Because

lunedì 3 dicembre 2018

03 DICEMBRE 1968 - 03 DICEMBRE 2018: ELVIS - '68 COMEBACK SPECIAL COMPIE 50 ANNI!

50 anni fa, il 03 Dicembre 1968, lo special "ELVIS" viene trasmesso sul canale NBC, diventando uno dei programmi più visti dell'anno ed una pietra miliare nella storia della musica e della carriera del re del rock'n'roll Elvis Presley.
Lo special riporta sulle scene Elvis Presley, facendolo uscire dalla gabbia hollywoodiana e facendo riscoprire a lui ed al suo pubblico, il suo enorme potenziale come cantante, come artista e come performer.
Accompagnato, in una parte dell'esibizione, da quegli stessi musicisti che avevano iniziato con lui a metà degli anni '50, Elvis ripercorre la sua storia musicale, ma con una nuova carica ed un entusiasmo che lo porterà, nell'arco di qualche mese, ad iniziare i suoi concerti a Las Vegas ed in centinaia di città degli Stati Uniti d'America per i 9 anni successivi, fino alla sua morte nel 1977.

Il 30 Novembre 2018 Steve Binder, regista dello special, ha rilasciato al magazine "Rock Cellar" una nuova intervista, che, per l'occasione, proponiamo qui sotto.

Steve, raccontaci come è nato lo special TV.
Il Colonnello Parker era ad una festa a cui partecipò anche Tom Sarnoff, presidente della NBC. I due iniziarono a conversare. Il Colonnello era interessato a fare un film, ed alla fine i due si accordarono per far fare ad Elvis uno speciale televisivo natalizio e poi la NBC avrebbe finanziato il film "Change Of Habit". Gli accordi vennero presi senza che Elvis sapesse niente.
Quando Elvis venne contatto dal Colonnello e gli venne detto quello che era successo, ci fu un problema, che mi venne spiegato da Bob Finkel, il produttore esecutivo dello special.
Bob disse che, sebbene ci fosse un accordo tra il Colonnello e Sarnoff, Elvis non aveva acconsentivo. Non voleva fare lo special televisivo.

Mi sembra di capire che tu non fossi interessato, inizialmente, quando ti venne proposto lo special TV di Elvis.
Sì, è vero. Inizialmente rifiutai quando Bob mi chiamò. Al tempo c'era un leggendario e famosissimo produttore cinematografico, che si chiamava Walter Wanger. Mi aveva contattato per lavorare ad un film con lui. A quel tempo stavo pensando seriamente di non fare più televisione ed entrare nel mondo dell'industria cinematografica.
Il mio socio, Bones Howe, mi convinse a fare lo special di Elvis.
Bones ascoltò la conversazione e disse: "Steve, io ho lavorato ad un album per Elvis e penso che voi andreste molto d'accordo. Sei pazzo se rifiuti questa proposta. Perchè non incontri Bob Finkel ed Elvis e vedi se c'è compatibilità? Penso tu commetta un grande errore se non lo farai".

Così chiamai Bob Finkel e Bones ed andai alla NBC per incontrarlo. Questo successe senza il Colonnello o Elvis.
In quel periodo la ditta di Finkel era sotto contratto con la NBC. Quello che venni a sapere in seguito fu che, quando Sarnoff era molto giovane, aveva lavorato per l'azienda di Bob Finkel, così il risultato fu che loro due avevano un'amicizia molto profonda che durava da anni.
Questo è il motivo per cui Finkel era inglobato alla NBC con la sua azienda.
Nel periodo in cui ricevetti la telefonata, Finkel stava producendo la serie di Jerry Lewis con la NBC e la serie di Phyllis Diller.
Così Finkel organizzò il primo incontro con il Colonnello Parker agli studi della MGM, dove aveva il suo ufficio.
Noi abbiamo avuto l'incontro con il Colonnello che, a sua volta, ha organizzato l'incontro con Elvis. Elvis sarebbe venuto agli uffici di Binder/Howe su Sunset Boulevard, vicino al Tower Records.
Ancora non ero convinto che avrei dovuto fare lo special, non perchè non stavo facendo degli specials in quel periodo. Il fatto è che ero più orientato verso la musica della West Coast, i Beach Boys, i Fifth Dimension, Laura Nyro.
Ero totalmente divertito da Elvis in televisione. L'avevo visto all'Ed Sullivan Show, ma non ero mai stato un fanatico di canzoni come "Hound Dog" e "Blue Suede Shoes" o qualsiasi altra canzone del genere. Non erano il tipo di dischi che ascoltavo in quel periodo.
Raccontaci il tuo primo incontro con Elvis.
Successe che Elvis venne nei nostri uffici. Venne con il suo entourage, ma li lasciò ad aspettare fuori.
Credo che Bones e probabilmente Allan Blye e Chris Beard, i nostri autori, fossero presenti. Quando entrò disse: "Ciao Steve" ed io dissi "Ciao Elvis". Non l'ho mai messo su un piedistallo.

Fortunatamente avevo qualche merito dalla mia parte. Avevo lavorato con alcuni artisti di successo nel tempo, grazie alle mie esperienze con Steve Allen, il T.A.M.I. Show e Hullabaloo.

Su cosa si concentrò la conversazione?
Non parlammo dello special. Abbiamo parlato della vita, più che altro. Mi chiese cosa pensassi della sua carriera ed io gli dissi: "A parte tutta la pubblicità, penso che la tua carriera sia agli sgoccioli", lui rise. Disse: "Perchè hai detto questa cosa?". Ed io dissi: "Beh, non ho visto nessuno dei tuoi dischi nelle classifiche musicali".
Dato che io e Bones avevamo abbastanza le mani in pasta nell'ambiente della musica, seguivo Billboard, Cashbox e Record World abbastanza costantemente. 
La carriera di Elvis era in discesa. A quel punto, gli studi cinematografici si erano bruciati tutto con i suoi film. Non lo pagavano milioni di dollari per fare questi film. Pertanto la carriera di Elvis era ad un punto critico. E credo che il Colonnello se ne rendesse conto.
Ecco perchè voleva far girare un altro film ed è per questo che ha fatto l'accordo con la NBC e Sarnoff.

Puoi descrivere il legame che hai costruito con Elvis?
Credo che Elvis apprezzasse la mia trasparenza e la mia onestà. Penso che questo fosse la vera forza del nostro rapporto. Il Colonnello pensava che tutti avessero un prezzo e che si potesse far fare a chiunque qualsiasi cosa, finché lo si pagava. Ma la verità era che non  c'era niente che io volessi; amavo dirigere e produrre, e la famiglia di persone con cui lavoravo, ma non era tutto quello che dovevo avere o che dovevoi fare.

Elvis era estremamente nervoso riguardo la realizzazione dello spettacolo, giusto?
Elvis mi disse, in una delle nostre prime discussioni, che era terrorizzato dalla televisione, perchè non si esibiva davanti ad un pubblico da oltre 10 anni. E non era sicuro che l'avrebbero accettato ancora. 
Gli dissi che quello che lui sapeva fare era creare dischi, e che poteva dimenticarsi della televisione e dei film. Gli dissi: "Tu fai un album ed io farò uno spettacolo televisivo".
Dopo che iniziò la produzione e lui iniziò a sentirsi bene ed a suo agio, mi disse: "Forse non te ne sei accorto, Steve, ma quando mi hai detto, la prima volta in cui ci siamo incontrati, che non dovevo preoccuparmi di fare uno spettacolo televisivo, mi sono totalmente rilassato ed ho avuto fiducia in te".
Ma in quell'incontro con Elvis, lui espresse la sua paura per la televisione.
Prima dell'Ed Sullivan, partecipò allo Steve Alle Show, in cui dovette cantare ad un bassotto vestito in smoking. E' stato trattato dalle televisioni come se fosse un buffone. Pertanto c'era una certa riluttanza da parte sua nel fare uno spettacolo televisivo, tanto per cominciare.

Parlaci dell'oggetto della produzione.
Abbiamo progettato una grande produzione. 
C'era un'intera passerella e la sequenza di "Guitar Man", nella quale lui parte dall'essere un povero ragazzo di campagna che suona la chitarra per arrivare ad essere una superstar, e poi, sulla strada della fama e della fortuna, scopre che non c'è nessun posto come casa sua.
Scopre che il momento in cui è più felice è quando torna alle sue radici. 
C'era una sezione gospel, alla cui produzione hanno partecipato ballerini ed Elvis ha lavorato con le Blossoms. E lui ha progettato di fare un medley delle sue canzoni di successo con l'intera band.
L'intera sequenza in cui lui è nel ring ed indossa il completo nero e canta il medley di Billy Goldenberg, è stato fatto live con l'orchestra. Quello era lo spettacolo che volevamo fare.
La prima volta che ha cantato con l'orchestra, ha perso la voce ed ha dovuto chiedere un po' d'acqua.
Questo è tipico per chiunque sia molto agitato e l'adrenalina pompi così tanto.
Se stai giocando a football, si dice che il calcio di inizio sia il punto in cui tutti sono nervosi, ma poi, quando inizi ad ambientarti e ti diverti durante il gioco, ti dimentichi dei tuoi nervi.
Questo è ciò che è successo con Elvis. 
Sono sempre molto diffidente di artisti che hanno talmente tanta fiducia in se stessi da non avere nemmeno il senso dell'entusiasmo o dell'ansia quando iniziano qualcosa.
Credo che la paura di fallire sia un segno positivo quando un artista si esibisce. Questo gli dà un vantaggio.

Mentre si lavorava allo special, Elvis diventò così impegnato, da rimanere alla NBC anche durante la notte.
Sì. Dall'inizio, quando abbiamo fatto lo special, Elvis ha abitato alla NBC.
Abbiamo ripulito il camerino di Dean Martin ed abbiamo creato letteralmente una stanza con un letto per lui, affinché potesse trascorrere giorno e notte alla NBC durante il periodo della produzione.
Quello che notai è che, ad iniziare dal primo giorno fino a quando abbiamo finito le prove od abbiamo iniziato la produzione, ed abbiamo iniziato a registrare, lui andava nel suo camerino, e con alcuni componenti del suo entourage, tipo Charlie Hodge ed altri, improvvisava per ore.
Ho sempre pensato che, se avessi potuto registrare quello che succedeva dietro le quinte, attraverso il buco della serratura, sarebbe stato fantastico.
Pensai che quello che stava facendo nel camerino fosse incredibile e dissi: "Dobbiamo averlo nella registrazione!".
Andai dal Colonnello Parker e gli dissi che volevo piazzare una telecamera nel camerino e lui disse: "Dovrai passare sul mio cadavere".
Non c'era modo di farsi dare il permesso per una cosa di questo genere.

Così mi procurai un piccolo registratore Sony ed iniziai a registrare e ad ascoltare i ragazzi fare jam sessions per ore. Allan Blye arrivò ed anche Lance Legault.  Chiunque si trovasse nei paraggi, entrava e partecipava cantando insieme ai ragazzi.
Elvis guidava il gruppo con la sua chitarra.
Quello che faceva nel suo camerino era più eccitante di quello che faceva per lo spettacolo. Erano quelli i momenti in cui Elvis sudava ed aveva i capelli spettinati. Si stava semplicemente divertendo. Era qualcosa di Elvis che non si era mai visto. Potenza pura.
Ero determinato a catturare quei momenti nel camerino. Quello era il mio principale intento.
Non ci sono riuscito finché, a forza di stare addosso al Colonnello e rodergli i nervi, in preda alla frustrazione, mi disse: "Ok, ti dirò cosa fare. Ricrea tutto sul palco, se vuoi, ma non entrerai nel camerino con le tue telecamere". Così è quello che ho fatto.
Quando dissi ad Elvis che avremmo ricreato lo stesso momento sul palco, mi disse: "Se abbiamo intenzione di fare una cosa del genere sul palco, voglio che porti qui Scotty Moore e DJ Fontana". Loro non erano coinvolti nello spettacolo, ma li facemmo arrivare in aereo. 
Lo fecero per Elvis, non lo fecero per il Colonnello, perché fu il Colonnello a farli dividere.

Quale è stata la reazione di Elvis quando ha visto lo special per la prima volta?
Beh, dopo la fine dello spettacolo, gli mostrai il master e ci siamo seduti a guardarlo insieme al suo entourage. Poi la seconda volta chiese che solo io e lui fossimo seduti nella stanza per guardarlo nuovamente.
Disse: "Non canterò mai più una canzone nella quale non credo" ed aggiunse "Non farò mai più un film in cui non credo".
Abbiamo parlato molto. Gli dissi, e fu solo la mia reazione istintiva: "Ti conosco e so che dici sul serio, Elvis, ma non sono sicuro che tu sia abbastanza forte per farlo".
Purtroppo si rivelò molto profetico, perchè non credo che Elvis si sia mai messo contro il Colonnello, per nessun motivo.
L'ultima volta in cui ho visto Elvis fu quando andai nell'appartamento di Bill Belew. Dovevamo mangiare pizza e bere birra ed è stata una decisione importante per Elvis dire che voleva venire e farne parte. Così siamo andati ad Hollywood e siamo arrivati all'appartamento di Bill.
Purtroppo, Bill, Earl Brown e Jena McEvoy - i designer del set - erano fuori a prendere la pizza e la birra ed il risultato fu che nessuno era a casa quando siamo arrivati. Così ci siamo messi ad aspettare per un po' ed Elvis disse: "Beh, è meglio che vada" e ci siamo salutati e lui mi mise un pezzo di carta in mano.
Dissi: "Cos'è questo?" e lui sussurrò dicendomi: "E' il numero a cui puoi chiamarmi". Era il suo numero di telefono. Chiamai il giorno seguente e qualcuno rispose, dicendomi che non mi era permesso arrivare ad Elvis.

L'unica volta in cui comunicai con Elvis fu attraverso Billy Goldenberg, che fece la musica per "Change Of Habit", e mi fece avere un messaggio da parte di Elvis.
Dopo lo special ci fu quella finestra di opportunità che lui non sfruttò e finì per diventare un cantante da saloon a Las Vegas, perchè il Colonnello amava il gioco d'azzardo ed è così che finirono.
Credo che Elvis volesse veramente uscire e sfruttare l'occasione del Comeback per provare cose nuove. Il '68 Special dimostrò ad Elvis che lui non era qualcosa di passato. Credo che fino al '68 Comeback Special avesse tantissimi dubbi e domande riguardo il suo talento e le sue capacità.
Ha riscoperto se stesso nello special del '68.
il " '68 Comeback Special" ha fatto uscire Elvis dal suo guscio e gli ha permesso di fare quello che amava fare, ossia esibirsi davanti ad un pubblico.  Fu questo a dargli l'ispirazione per tornare sul palco.