GRACELAND



Location: 3764 Elvis Presley Boulevard (Highway 51 South), Memphis, Tennessee
Area: 13.588 acrI (54,990 m2)
Costruita nel: 1939
Architetto: Furbringer & Ehrman
Stile architettonico: Classical Revival
Aggiunta al National Register of Historic Place (NRHP): 07 Novembre 1991 con il nr. 91001585.
Il National Register of Historic Places è la lista ufficiale del Governo degli Stati Uniti dei distretti, luoghi, costruzioni, strutture e oggetti ritenuti degni di essere preservati. 
Avere una proprietà registrata al National Register o inserita nel National Register Historic District, le dà diritto a ricevere incentivi e finanziamenti per il sostenimento delle spese necessarie a preservare la proprietà.
Riconosciuta National Historic Landmark (NHL): 27 Marzo, 2006
Il National Historic Landmark è un distretto, luogo, costruzione, struttura e oggetti che il Governo degli Stati Uniti ritiene essere di significato storico. Degli 80.000 siti inseriti al National Register, solo circa 2.430 sono riconosciuti NHL. Tra questi c'è Graceland.

GRACELAND - UN PO' DI STORIA:
Graceland - 1941
Il terreno su cui sorge Graceland venne inizialmente costituito come una fattoria di 500 acri durante la guerra civile (1861-1865) dall’editore Stephen C. Toof, proprietario del “Memphis Daily Appeal”.
Mr. Toof diede alla proprietà il nome della figlia, Grace Toof. 
Ruth Brown, nipote di Stephen Toof, ereditò la proprietà da sua zia Grace.
Nel 1939 Mrs. Ruth e suo marito, Dr. Thomas D. Moore, costruirono una casa in stile Classic Revival e aggiunsero altre costruzioni sul terreno che apparteneva alla famiglia da quasi 100 anni. 
I coniugi Moore avevano una figlia, Ruth Marie (oggi Ruth Marie Cobb), che a 4 anni era già un prodigio della musica al piano e all’arpa.
Un’importante società di architetti, “Furbringer and Erhman”, disegnò la casa, concependo una vetrina per il talento di Ruth Marie, progettando ampie stanze sulla zona frontale, in modo tale che potesse essere aperta ad un pubblico di 500 persone per eventi musicali.
La casa venne costruita in cima ad una collina, quasi al centro della proprietà, in mezzo ad un boschetto di querce. Sui prati davanti e dietro la casa pascolavano gli animali liberamente. La zona ovest della proprietà confinava con il fiume Mississippi.

Ruthie Marie Moore Cobb e suo marito Charles Cobb, ora avvocato in pensione, si sposarono nel 1948. Dopo il matrimonio, per il periodo in cui Ruth girava il paese come arpista professionista di un’orchestra, rimasero a Graceland, insieme ai genitori di lei. 
(Più tardi Ruth sarebbe diventata arpista della Memphis Symphony Orchestra, con cui rimase dal 1953 al 1973). 
Quando la madre di Ruth decise che la proprietà era diventata ormai troppo grande per le sue esigenze, chiese a Ruth e Charles se avrebbero considerato l’idea di rimanerci.
“Noi non avevamo molto tempo per poterci dedicare ad una casa così grande” dice Charles. 
“Ci volevano 1000 dollari al mese per mantenerla. Solo in giardino richiedeva la stessa cura che richiede un campo di golf. Avevamo un giardiniere che lo curava e ci lavorava 2-3 volte alla settimana”.
"Quando la proprietà venne messa in vendita", racconta Ruth, "c’erano tre potenziali acquirenti: la Sears Roebuck Co., un privato che voleva farlo diventare un ristorante esclusivo ed Elvis. A quel punto la maggior parte della terra che circondava la casa era stata venduta ad agenti immobiliari per suddividerla e il lago dietro la casa venne drenato".
Ruth racconta che la "Graceland Christian Church" voleva acquistare cinque acri nella zona nord-est della proprietà, ma la Sears e il ristorante non intendevano rinunciare ai cinque acri per lasciarli alla chiesa. 
Al contrario, Elvis si dimostrò ben felice di avere una chiesa accanto. Questo aiutò a chiudere la trattativa. Fu così che, nel 1957, Elvis la acquistò per 102.000 dollari, andando ad abitarci con i suoi genitori e la nonna Minnie Mae Presley.
L’acquisto venne definito con la combinazione di un deposito cauzionale di 10.000 dollari, più i 55.000 dollari ottenuti dalla vendita della casa di Audubon Drive e un mutuo di 37.500 dollari.
Quando era un giovane povero aveva detto spesso ai suoi genitori che un giorno sarebbe diventato ricco e avrebbe comprato per loro la casa più bella che c’era in città, dando fine così alla loro vita di sacrifici e tribolazioni. Quando la "Graceland Christian Church" decise di spostarsi, la famiglia Presley riacquistò il terreno e trasformò la chiesa nella sede della Elvis Presley Enterprises. 

Piano inferiore


Piano superiore


Interno ed esterno

Contratto compravendita Graceland

LE MODIFICHE ESTERNE APPORTATE DA ELVIS PRESLEY:
Quando Elvis Presley acquistò Graceland, il "music gates" (cancelli della musica) non esisteva.
Venne disegnato da Abe Saucer appositamente per Elvis, costruito da John Dillars Jr. della "Memphis Doors Inc." e installato a Graceland il 22 Aprile 1957.
Altre modifiche vennero apportate alla parte esterna della proprietà in base ai gusti di Elvis e dei suoi genitori: il muro di cinta, una piscina, un campo da racquetball e la costruzione del "Meditation Garden", dove oggi sono sepolti Elvis e la sua famiglia.
Una strada d’accesso curva, costeggiata da un basso marciapiede in calcestruzzo, illuminato da luci elettriche lungo tutto il percorso, porta al viale principale ai piedi della collina, formando un ampio circuito che passa davanti la casa, per poi scendere giù dalla collina, verso la strada.
Elvis fece costruire un recinto in pietra rosa dell’Alabama, dividendo la casa dalla statale che si trova di fronte la proprietà nella parte est. Il recinto arriva quasi alla fine della proprietà. A questo punto inizia un alto recinto in legno che circonda la parte restante.
Nel 1971, a destra di una delle colonne dell’ampio cancello, Elvis fece costruire una guardiola in mattoni. 
Nel corso degli anni, i vari interventi, hanno visto Graceland passare da 3.200 mq a circa 5.260 mq. Se ad Elvis piaceva decorare la casa, i suoi genitori si sbizzarrirono a dare il loro tocco personale con un orto e un pollaio.

GRACELAND DOPO ELVIS: 
Dopo la morte di Elvis, il "Meditation Garden" fu aperto al pubblico nel 1978; mentre Graceland divenne attrazione turistica a partire dal 07 Giugno del 1982, dando inizio ad una sfida che Priscilla Presley e Jack Soden hanno voluto portare avanti contro ogni aspettativa e pronostico.
Quando nacque l'idea di rendere Graceland un museo aperto al pubblico, venne interpellata una società di consulenza per sondare l'eventuale successo o insuccesso del progeetto.
Il risultato sembrava senza appello: Graceland non avrebbe avuto sufficienti visitatori e il ricordo di Elvis Presley si sarebbe affievolito con il tempo.
Ma Jack Soden e Priscilla non erano convinti.
Quando, nel 1978, venne permesso l'accesso dei fans al Meditation Garden, le persone iniziarono ad arrivare numerose.
Gli amministratori della città di Memphis, a quel punto, pensarono persino di acquistare Graceland, facendola diventare proprietà della città e attrazione turistica.
Wallace Madewell, presidente del consiglio comunale, ricorda: "Stavo lì e guardavo tutte quelle persone andare a Graceland. Molti di loro arrivavano da oltreoceano. Ho pensato che se queste persone erano disposte a fare questo sforzo, probabilmente ne valeva la pena".
Il testamento di Elvis Presley nominava suo padre Vernon e la NBC Banck come esecutori testamentari della sua eredità, lasciata alla sua unica figlia, Lisa Marie. Quando, nel 1979, Vernon Presley morì, lasciando le redini a Priscilla, sulla base del fatto che nessuno avrebbe saputo gestire meglio l'eredità di Lisa Marie se non sua madre, si affacciò di nuovo l'idea di vendere la proprietà.
"Ma Priscilla", racconta Jack Soden, "era un concentrato di passione e cuore. Lei sapeva quanto Graceland fosse importante per Elvis e per Lisa Marie. Voleva che Graceland rimanesse alla famiglia".
Mr. Soden andò a visitare le più importanti attrazioni turistiche costruite sulla popolarità delle persone famose: dalla casa di Thomas Jefferson al castello di William Randolph Hearst in California.
Il "Smithsonian Institution" chiese di poter avere un jumpsuit di Elvis Presley per una mostra che includeva oggetti di artisti famosi, come il giubbotto di pelle di Fonzie e le pantofole indossate da Judy Garland nel film "Wizard Of Oz".
"Stavo nel favoloso Smithsonian e mi sminuivo da solo", ricorda Jack Soden. "Dissi: 'A tutti voi, Elvis deve sembrare come una specie di turbamento che arriva dai lontani anni 50'. Mi si avvicino questo uomo dall'aspetto distinto e mi disse: 'Noi consideriamo Elvis Presley la cosa più importante che sia accaduta in America negli ultimi 200 anni' ".
Quando Graceland venne aperta, Jack Soden e Priscilla Presley pensarono che, se fosse andata male, almeno avrebbero recuperato i 500.000 dollari investiti, ossia quello che restava del lascito di Elvis.
Infatti quei soldi tornarono nelle casse, ma entro pochissime settimane!
Da allora Graceland conta una media di 600.000 visitatori all'anno, con punte di 750.000. 
Calcolando un prezzo medio di biglietto d'ingresso di 36 dollari, vengono incassati una media di 21,6 milioni di dollari all'anno. Questa è solo la metà degli incassi della Elvis Presley Enterprises: l'altra metà è data dalla vendita di merchandise e licenze, consegnando ad Elvis Presley le prime posizioni nella classifica "Forbes" degli artisti deceduti più ricchi e guadagnando di più di altri ancora in vita. 
Nel 2022 si festeggerà il 40° anniversario dell'apertura di Graceland al pubblico.




Graceland  - 1957

Lo zio di Elvis, Travis, con alcuni fans

Cassetta della posta 

Graceland - Natale 1958

Graceland - 1962

Graceland - 1973

Graceland - 1973

Graceland - 1976
(session registrazione
album "Moody Blue")

Graceland - 1977

Graceland - 1978

Graceland - 1980

Graceland - 1992