PRODUTTORE MARTY PASETTA RACCONTA IL CONCERTO "ALOHA FROM HAWAII"

Come ben sappiamo, il 14 Gennaio 1973, Elvis Presley si è esibito nel celebre e magnifico concerto conosciuto come "Aloha From Hawaii", trasmesso via satellite dalla città di Honolulu, Hawaii.
Marty Pasetta, conosciuto dai fans di Elvis Presley per essere stato il produttore del suddetto spettacolo, e dal resto del mondo dello spettacolo per la sua fantastica carriera, è nato il 16 Giugno 1932 a San Jose, in California, ed è deceduto, a causa di un incidente automobilistico, il 21 Maggio 2015 all'età di 82 anni.



Negli anni scorsi, quando gli è stato chiesto di ricordare Elvis Presley e l'esperienza vissuta insieme nel 1973, ha raccontato quell'evento con queste parole.
L'idea di un concerto via satellite fu del Colonnello Parker, il quale ha venduto l'idea alla RCA, la quale era proprietaria del canale NBC.
Il vice-presidente della programmazione notturna, John Hamlin, che trascorreva parte del suo tempo a Palm Springs, decise di assegnare la produzione a Marty Pasetta.

In base ai racconti delle persone che vivevano a stretto contatto con Elvis Presley, il concerto "Aloha From Hawaii" fu l'ultima occasione in cui Elvis sospese l'assunzione massiccia di farmaci e si presentò al massimo della forma, con un peso di 79,5 kg circa.
Il biografo Peter Guralnick e Sonny West hanno sempre dato il merito a Pasetta di essere stato capace di mettere Elvis in riga, imponendogli, in quel momento, di smettere con certi comportamenti poco salutari. Pasetta, infatti, aveva detto ad Elvis, al loro primo incontro, che doveva assolutamente perdere peso per il concerto; così - Sonny West ha raccontato - "Dopo aver incontrato il produttore, Elvis ha insistito affinché io ed altri due ragazzi del gruppo ci unissimo a lui nel fare una rigida dieta". 
Pasetta ha raccontato: "Gli ho detto: "Ti voglio magro, perché ho intenzione di usare dei primi piani", che all'epoca, in televisione, non erano molto popolari. Ho aggiunto: "Ho intenzione di spostarmi dal tuo collo alla cima della tua testa. Questo sarà il tuo punto di sex-appeal, insieme alla tua voce, e sarà un punto di riferimento".
Elvis è saltato dalla sedia, mi ha preso, mi ha messo le braccia intorno ed ha detto: "Lei è la prima persona che sia stata onesta con me. Perderò peso per lei" ed ha perso circa 9 kg in due mesi".


LAVORARE CON ELVIS:
Marty Pasetta aveva appena terminato il suo debutto alla regia degli Academy Awards quando Hamlin gli offrì l'opportunità di lavorare insieme ad Elvis Presley, ma il produttore, però, in un primo momento, non era del tutto sicuro di volerlo fare.
Hamlin, allora, gli suggerì di guardare l'esibizione di Elvis di Novembre 1972 alla Long Beach Arena: in quell'occasione l'esibizione fu poco interessante...
"Se ne stava fermo lì come un sasso" ha detto Pasetta. "Non faceva niente. Sono tornato alla NBC ed ho detto: "Ehi ragazzi, cosa dovrò fare con questo ragazzo? Quanto dura lo spettacolo? 90 minuti? Non posso ballare il tip-tap per così tanto tempo. Non sembra abbia intenzione di muoversi". La loro risposta è stata: "E' un problema tuo".
Lo spettacolo prevedeva che Elvis Presley cantasse al Honolulu International Center Arena per un concerto di beneficenza e Pasetta cercò di dare all'evento un'aria internazionale, mettendo il nome di Elvis in evidenza in varie lingue e caratteri; inoltre cercò di dare risalto anche al fascino romantico di Elvis, provocando la costernazione del Colonnello Parker.

"Ho voluto inserire una passerella larga circa 2 metri e mezzo; ho cercato di mettere delle ragazze intorno ed ho voluto il palco ad 1,80 metri dal pavimento. Il Colonnello aveva sempre voluto il palcoscenico ad oltre 3 metri dal pavimento, con tanto di guardie davanti. Non voleva che nessuno toccasse il suo ragazzo.
Quando l'ho detto al Colonnello, gli è venuta una crisi! Ha risposto: "Non ho nessuna intenzione di abbassare il palco ed ho intenzione di avere le mie guardie al solito posto. Lui può stare là sopra e cantare. 
Gli ho detto: "Non funzionerà in TV per un'ora e  mezza di spettacolo".
Lui ha risposto: "No, non lo farò. Tu non potrai fare lo spettacolo" ".
Ma Pasetta disse che ad Elvis l'idea piaceva molto e, in una delle rare occasioni durante la sua carriera, quest'ultimo decise di andare contro il suo manager.
"Elvis mi disse: "Il Colonnello controlla la parte finanziaria. Io controllo la mia creatività, la mia musica ed il mio concerto. Non deve dire niente a riguardo. Questa è la tua decisione. Tratterai con Joe Esposito" ha raccontato Marty Pasetta.
"Parlai con Joe, con il Colonnello, con tutti. Ma cercai di non avere molto a che fare con il Colonnello. Avevo già abbastanza problemi nel far partire lo spettacolo".

La produzione, infatti, era piena di problemi tecnici. Il giorno prima della messa in onda, venne scoperto che qualcuno aveva tagliato le linee elettriche che andavano nell'auditorium.
Pasetta chiamò Don Ho "E lui fece arrivare delle persone, tirandole fuori dal letto, affinché aggiustassero tutto appena in tempo. Il giorno dello spettacolo, venne scoperto che l'attrezzatura nel backstage creava un disturbo del suono". 
Pasetta chiamò Don Ho nuovamente, il quale gli disse: "Chiama il cantiere della Marina". "C'era un carico di fogli di piombo, portati due ore prima dell'inizio dello spettacolo: furono sistemati e riuscimmo ad avere nuovamente il suono corretto.
Poi, all'inizio dello spettacolo, sapendo che si doveva filmare l'intero concerto continuativamente, il mio direttore tecnico mi diede la mazzata finale, dicendo: "Ho dovuto tagliare la prima parte dello spettacolo. Era nervoso".
"Dalla NBC ed altri, mi venne detto che un terzo della popolazione mondiale aveva visto lo spettacolo quando è stato trasmesso. In Africa ed in altri luoghi venne proiettato nei cinema perchè la gente non aveva la televisione".




Il concerto entrò nelle classifiche Billboard il 24 Febbraio, sostenuto dalle migliori recensioni degli ultimi anni riguardo Elvis Presley e l'album divenne il suo ultimo a raggiungere la vetta delle classifiche.
La settimana successiva, Parker firmò un contratto di 7 anni per proseguire la collaborazione di Elvis Presley con la RCA.

Le canzoni del concerto:
Also Sprach Zarathustra
See See Rider
Burning Love
Something
You Gave Me A Mountain
Steamroller Blues
My Way
Love Me
Johnny B. Goode
It’s Over
Blue Suede Shoes
I’m So Lonesome I Could Cry
I Can’t Stop Loving You
Hound Dog
What Now My Love
Fever
Welcome To My World
Suspicious Minds
Band Introductions
I’ll Remember You
Long Tall Sally/Whole Lotta Shakin' Going On
An American Trilogy
A Big Hunk O’ Love
Can’t Help Falling In Love

- Precedentemente registrate -
KU-U-I-PO
No More
Hawaiian Wedding Song
Early Morning Rain




Source: EIN