sabato 14 novembre 2020

FALSE E VERGOGNOSE ACCUSE AL NOSTRO FAN CLUB!


Qualche giorno fa, in un gruppo Facebook italiano, i fans si sono lamentati del fatto che c'è qualcuno che impedisce loro di pubblicare e/o condividere fotografie di Elvis Presley, mediante segnalazioni a Facebook, ricevute anche dal suddetto gruppo.
Stando al post di partenza, gli amministratori  hanno detto di non sapere chi fosse il responsabile di un gesto così deplorevole, ma si sono permessi ugualmente di fare una vaga ipotesi, senza fare nomi, ma dando l'impressione di voler già indirizzare verso un obiettivo preciso i commenti che sarebbero arrivati.
(N.d.R.: Che strano! Facebook fornisce sempre ai destinatari di una segnalazione il nome di chi l'ha fatta e l'indirizzo email per poterlo eventualmente contattare. Proprio questa volta si sarà dimenticato?...).

Così, nel corso delle ore successive, i suddetti amministratori ed i loro amici-fans si sono sbizzarriti in commenti in cui hanno detto il peggio che potevano, soprattutto a livello personale, nei confronti di questa persona che, a quanto pare, si appropria di fotografie di Elvis Presley, postandole nella propria pagina Facebook o nel suo sito e poi impedisce agli altri fans di condividerle o postarle altrove.
Hanno fatto davvero del loro meglio per fare in modo che chiunque potesse farsi una pessima opinione di questa persona, suggerendo anche ai fans di smettere di frequentare la sua pagina Facebook ed il suo sito.

Qualche ora dopo, facendo seguito al post precedente, l'amministratore del gruppo ne ha fatto un altro (quello che vedete qui a sinistra), nel quale ha fatto sapere che, per evitare ulteriori segnalazioni da parte di Facebook, è severamente vietato a tutti i membri condividere contenuti che provengono dal nostro sito www.grazielvis.it  e dalla nostra pagina Facebook!
Morale della favola?! Secondo gli amministratori di tale gruppo, chi impedisce ai fans di postare/condividere fotografie di Elvis Presley è il nostro Fan Club "Grazie Elvis"!
Quindi va da sé che la persona che si sono divertiti a diffamare con una menzogna vergognosa come questa e ad insultare con commenti di vario genere, sono io, che gestisco gli spazi web del Fan Club.

Ma chi sono le persone che muovono queste accuse e che si sono impegnate per una giornata intera intorno ad una calunnia del genere nei nostri confronti?
Sono le stesse persone che, negli ultimi 3 anni, hanno avuto davvero un problema con il nostro sito www.grazielvis.it !
Per quale motivo? Per la solita vecchia storia!
Hanno portato nei loro gruppi una buona quantità di articoli, presi dal nostro sito, senza avere il permesso ed il diritto di farlo.
Come abbiamo spiegato già altre volte, gli articoli, intesi come traduzioni di interviste, documenti, l'intera biografia, aneddoti, ecc... non venivano CONDIVISI tramite link, ma venivano semplicemente e spudoratamente COPIATI ed INCOLLATI, come se li avessero scritti loro, con la pretesa che nessuno dicesse niente!

Per impedire che questa pratica continuasse, visto che con il dialogo non si riusciva a risolvere la questione, ho iniziato a chiedere a Facebook la rimozione di tali documenti copiati (sono tutti testi scritti; non c'entrano le fotografie!) usando il modulo per la tutela del copyright.
Ma, evidentemente, nemmeno gli ammonimenti che hanno ricevuto nel tempo da parte di Facebook sono serviti a qualcosa, visto che ora ne hanno collezionato una quantità tale da rischiare la chiusura del gruppo. 

Probabilmente infastiditi dall'ennesimo ammonimento arrivato qualche giorno fa a causa dell'ennesimo testo copiato, hanno pensato di reagire mediante la diffamazione e si sono inventati che il nostro Fan Club impedisce ai fans di usare le fotografie di Elvis Presley che pubblichiamo.

Non è necessario, però, essere dotati di particolari doti intellettive per capire che questa affermazione è assolutamente FALSA e non può essere diversamente, se non altro per il fatto che non è attuabile nella pratica. Solo chi detiene il diritto di proprietà di una fotografia, ovvero chi l'ha scattata, può impedirne la pubblicazione; inoltre Facebook richiede dati ben precisi prima di decidere di rimuovere un contenuto, quindi è impossibile chiedere la rimozione di una fotografia se non se ne può dimostrare la proprietà.

Pertanto vi chiedo di non credere assolutamente a queste bugie a dir poco vergognose che sono state messe in circolazione sulla mia persona e su questo Fan Club!
Si dice che chi usa la tecnica dell'insulto e della diffamazione è perché non ha argomenti a sua disposizione! A quanto pare si è dimostrato che è così anche questa volta!

Chi, invece, gli argomenti li ha e potrebbe anche provarli nero su bianco, non ha bisogno di insultare o diffamare, ma deve semplicemente esporre i fatti per quello che sono, ed i fatti sono quelli che vi ho appena descritto.

E ad ulteriore prova dell'assurdità delle accuse che mi vengono mosse contro, pongo a voi questa domanda:
VI HO MAI IMPEDITO DI CONDIVIDERE O POSTARE UNA FOTOGRAFIA DA QUALCHE PARTE, SOLAMENTE PERCHE' PRIMA ERA STATA POSTATA SULLA PAGINA FACEBOOK DEL FAN CLUB O NEL SITO www.grazielvis.it ? 

Spero che quanto appena descritto sia sufficientemente chiaro e vi tolga ogni eventuale perplessità.

Mi scuso per la noia che posso avervi dato con questo post, ma era d'obbligo per me difendermi da accuse becere, vergognose e totalmente false come queste, e l'unico modo per farlo era spiegandovi quello che sta succedendo.

Vi ringrazio tutti  per l'attenzione ed il supporto. 

N.B.: Per fare in modo che una cosa simile non succeda più, creeremo a breve nel sito una pagina in cui verranno elencati i principali documenti copiati e per i quali è stata chiesta la rimozione.
La pagina verrà aggiornata ogni volta che sarà necessario, in modo da dimostrare che ci muoviamo in un certo modo quando ne abbiamo i motivi e per mettere a tacere le schifose calunnie di oggi e le eventuali di domani.

N.B. 2: Se c'è qualcuno che crede che impediamo l'uso di suoi testi, postati negli anni passati nel nostro forum, farebbe meglio ad informarsi bene su come stanno le cose, prima di sputare veleno senza motivo e rischiare pessime figure.