IT HAPPENED AT THE WORLDS FAIR

IT HAPPENED AT THE WORLD'S FAIR (BIONDE, ROSSE, BRUNE...)

Il dodicesimo film di Elvis Presley ha il titolo di “It Happened At The World’s Fair” ed è stato girato in esterni, alla fiera mondiale di Seattle.
Elvis interpretò il ruolo di Mike Edwards, al fianco di Gary Lockwood nella parte di Danny Burke.
I due arrivano alla fiera di Seattle, cercando lavoro per poter tornare in possesso del loro aereo, messo sotto sequestro dallo Sceriffo. L’incontro con un agricoltore cinese e la sua nipotina porterà una serie di conseguenze del tutto inaspettate per Mike, che si ritroverà nel ruolo di babysitter della piccola Sue-Lin, ma anche di innamorato della bella infermiera Diane Warren, incontrata alla fiera, interpretata da Joan O’Brien. 
Sarà la piccola Sue-Lin a fare da cupido tra i due.
Tra scazzottate, debiti di gioco e girovagare all’interno della fiera mondiale, non mancherà l’inevitabile lieto fine.

I lavori di produzione iniziarono il 05 Settembre 1962.

I titoli presi in considerazione, prima di arrivare a quello definitivo, furono “Take Me Out To The Fair” e “Take Me To The Fair”.
La prima proiezione avvenne a Los Angeles il 03 Aprile 1963 e poi a livello nazionale a partire dal 10 Aprile.

Elvis Presley arrivò agli studi MGM il 28 Agosto 1962 e prese possesso del suo camerino, già di Clark Gable e già usato dallo stesso Elvis precedentemente.
Il suo guardaroba per questo film fu di un valore pari a $9.300 e comprendeva: 10 vestiti, 2 giacche di cashmere, 4 giacche sportive, 30 camicie e 55 cravatte.

La registrazione della colonna sonora non partì benissimo in quanto Elvis era raffreddato, e dopo 3 canzoni si è dovuto fermare, posticipando la session.

Elvis e il suo entourage arrivarono a Seattle il 04 Settembre 1962. La loro residenza è stata il 14° piano del New Washington Hotel.
Allo scopo di venire più facilmente identificati in mezzo alla folla della fiera, i ragazzi della Memphis Mafia indossarono una particolare divisa e, ad aggiungersi all’entourage di Elvis, c’erano centinaia di poliziotti locali che si occupavano della sicurezza, nonché un contingente di detectives per scortarlo in mezzo alla folla.

La fiera di Seattle a quel tempo fu chiamata “Seattle Century 21 Exposition”; da qui il nome di “Century 21 Estates” del parco di roulotte in cui alloggiò il personaggio interpretato da Elvis nel film.
Oltre 10 milioni di persone visitarono la fiera quell’anno, in particolare la monorotaia e la Space Needle - navicella spaziale - usata ancora oggi in quello che viene chiamato “Seattle Center”, oltre che come simbolo della città di Seattle.
Il Presidente John F. Kennedy diede il via alla fiera il 21 Aprile 1962, telegrafando durante una vacanza in Florida, con lo stesso metodo usato dal Presidente Taft per aprire la “Alaska-Yukon-Pacific Exposition” di Seattle nel 1909: veniva innescato un meccanismo da un radio telescopio nel Maine, che raccoglieva un impulso da una stella a 10.000 anni luce dalla Terra. L’impulso veniva diretto al suolo per dare inizio alla festa, con il lancio di 2.000 palloncini, il suono della campana dello Space Needle, 10 aerei in volo che lasciavano cadere bandierine.
Tra le molte celebrità che visitarono la fiera ci furono: Sammy Davis Jr, Louis Armstrong, John Wayne, Jack Lemmon, il vicepresidente Johnson, Walt Disney, Richard Nixon e…Lassie.

La smania dei fans non tardò a farsi sentire nella città di Seattle, come era prevedibile.
Sembra che Elvis abbia notato una ragazza locale di 18 anni durante le riprese e l’abbia frequentata in quel periodo.
Alan Fortas raccontò che Elvis e i suoi amici erano spesso confinati in hotel per lunghi periodi. Quando la noia li assaliva, organizzavano uno scherzo al personale dell’albergo: facevano sparire tutti i mobili dalla stanza e poi chiamavano il servizio in camera. Quando il cibo arrivava, il personale dell’hotel trovava Elvis e i suoi amici seduti a terra in una stanza vuota. Il cameriere, sorpreso, andava a chiamare il direttore, raccontando l’accaduto e accompagnandolo nella suite di Elvis. Al suo arrivo, i mobili erano tornati esattamente al loro posto, con stupore del cameriere e risa di Elvis e dei suoi amici.

Le riprese sul luogo della fiera terminarono il 13 Settembre 1962 e l’intero cast tornò in California agli studi MGM per riprendere il lavoro il 17 Settembre.

Sul set Elvis venne intervistato da Lloyd Shearer: durante questa intervista parlò del suo interesse per lo studio della filosofia e del fatto che gli sarebbe piaciuto diventare un medico.

La scena del film che lasciò spazio alla filosofia delle “coincidenze della vita” è quella in cui Elvis pagò un ragazzino per farsi dare un calcio ad una gamba. 
Quel bambino era Kurt Russell, lo stesso Kurt Russel che nel 1979 impersonò Elvis in un film TV sulla sua vita e che gli valse una nomination all’Emmy come “Outstanding Lead Actor”.

Il 09 Novembre 1962 le riprese del film terminarono. Il giorno prima Vernon Presley e il sindaco di Memphis fecero visita ad Elvis sul set. In quell’occasione venne consegnato da Elvis al sindaco l’assegno di 50.000 dollari per le associazioni di beneficenza di Memphis.
Elvis partì immediatamente per Las Vegas, a godersi una meritata vacanza, prima di tornare a Memphis.

Gli attori che affiancarono Elvis Presley in questa produzione furono:
Joan O’Brien: nel ruolo di Diane Warren. iniziò la sua carriera come cantante country quando era ancora adolescente, lavorando in TV. Solo più tardi si è data al cinema e, ironicamente, più volte le è capitato di interpretare ruoli di infermiera, come è successo anche in questo film.
Ha lavorato anche con Nancy Sinatra nel musical “Get Yourself A College Girl”. Decise di lasciare la carriera artistica per dedicarsi ai suoi figli, per poi entrare a far parte dell’amministrazione degli hotel della catena Hilton.
Gary Lockwood: interpretò Danny Burke. Aveva già lavorato con Elvis nel 1961 per il film “Wild In The Country”. Tra gli altri film a cui prese parte c’è il celebre “2001: A Space Odyssey” e il ruolo nell’episodio pilota di “Star Trek”. Ancora oggi, saltuariamente, compare come ospite alle convention della famosa serie. La sua carriera ebbe inizio come stuntman e come controfigura di Anthony Perkins. Fu anche uno dei giovani attori di Hollywood che si spesso unirono ad Elvis Presley e al suo entourage per delle amichevoli partite a football al De Neve Park in California.
Vicky Tui Caietano: aveva solo 6 anni e mezzo quando interpretò la parte di Sue-Lin in questo film. Le sue sorelle, Ginny ed Elizabeth, e suo fratello Alexander, hanno lavorato con Elvis nel film “Girls! Girls! Girls!”.
In origine doveva esser presa la sorella Ginny per la parte di Sue-Lin, ma aveva già l’impegno per suonare il pianoforte alla Casa Bianca per il Presidente Kennedy.
Vicky è nata nelle Filippine ed è la sesta di nove figli.
Questo è stato il suo unico film. Non ebbe una carriera nel cinema, ma una vita piuttosto normale, laureandosi all’università e aprendo un’agenzia di viaggi.
Si è trasferita alle Hawaii nel 1983 ed è stata “first lady” delle isole dal 1993 al 2002, essendo la moglie dell’allora Governatore Ben Cayetano. E’ madre di cinque figli e, in un’intervista, ha detto di conservare ancora il peluche rosso che porta con sè nel film e il suo copione.
Una piccola parte nel film l’ha avuta anche Yvonne Craig: la si vede nelle scene iniziali. E’ la ragazza a cui Elvis cantò la canzone “Relax”. Nei film con Elvis, ha avuto maggior spessore il suo ruolo in “Kissin’ Cousins”.

Nel film e nella colonna sonora, insieme ad Elvis, c’è il quartetto “The Mello Men”: i membri del gruppo non erano solamente cantanti, ma davano le voci anche a molti personaggi di cartoni animati, tra cui “Tom e Jerry”, “L’Orso Yogi”, “Peter Pan”, “La Carica dei 101”, “Gli Aristogatti”, “Mary Poppins” e molti altri.
La trasformazione di Elvis Presley da ribelle del rock’n’roll a uomo in “giacca e cravatta” è iniziata dopo il suo ritorno dal servizio militare e con questo film raggiunge il suo completamento.
Il cambiamento, evidenziato prevalentemente dall’abbigliamento di Elvis, non passò inosservato alla stampa, che lo citò negli articoli riguardanti il film.

Ted Richmond fu produttore del film. Iniziò come scrittore negli anni 30, ma divenne presto produttore e, tra i film che portano la sua firma, c’è il celebre “Papillon” del 1973.

Dolores Fuller iniziò la sua carriera come attrice fin da bambina, lavorando come comparsa nel film “It Happened One Night”, al fianco di Clark Gable. Sebbene non abbia mai preso parte sullo schermo ai film di Elvis Presley, il suo ruolo fu ugualmente importante in quanto fu l’autrice di alcune canzoni. Per questo film scrisse “Beyond The Bend”, e scrisse musica anche per “Blue Hawaii” , “Kid Galahad”', “Fun In Acapulco”, “Kissin' Cousins”, “Roustabout”, “Girl Happy”, “Spinout”, “Easy Come, Easy Go” e “Change Of Habit”, oltre a canzoni per Elvis non legate a nessun film.

CANZONI: Beyond The Bend – Relax – Take Me To The Fair – They Remind Me Too Much Of You – One Broken Heart For Sale – I’m Falling In Love Tonight – Cotton Candy Land – A World Of Our Own – How Would You Like To Be – Happy Ending.
CAST: Elvis Presley, Gary Lockwood, Vicky Tiu, Joan O'Brien, Kurt Russell.

1963 - MGM