Visualizzazione post con etichetta Presley Family. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Presley Family. Mostra tutti i post

martedì 15 gennaio 2019

VINILE - ELVIS NOW

L'etichetta Friday Music pubblicherà a partire dal 23 Marzo 2019 il vinile "Elvis Now".
L'album è stato realizzato in due versioni in edizione limitata, entrambe in formato da 180 grammi: una di colore oro e rosso; ed una di colore blu e nero.
All'interno si trova anche un poster.
LATO A:
Help Me Make It Through The Night - Miracle Of The Rosary - Hey Jude - Put Your Hand In The Hand - Until It's Time For You To Go 
LATO B:
Sylvia - We Can Make The Morning - Early Morning Rain - Fools Rush In - I Was Born About Ten Thousand Years Ago

mercoledì 21 novembre 2018

ELVIS PRESLEY: PRESIDENTIAL MEDAL OF FREEDOM - ASSENZE INGIUSTIFICATE!

Il 16 Novembre 2018, Jack Soden, amministratore delegato della Elvis Presley Enterprises, ha presenziato a Washington per ricevere la "Presidential Medal Of Freedom" che il Presidente Donald Trump ha deciso di assegnare ad Elvis Presley.
Guardando le immagini ed i video della cerimonia, i fans di tutto il mondo si sono posti la stessa domanda: perchè era presente solamente Jack Soden, ed insieme a lui non c'era nessuno della famiglia Presley? 
Infatti, né Priscilla, né Lisa Marie, né Riley e/o Benjamin Keough - nipoti di Elvis Presley - erano presenti alla Casa Bianca.
Partendo dal presupposto di non voler puntare il dito contro nessuno prima di aver dato la possibilità di giustificare la propria assenza, abbiamo aspettato fino ad oggi, 5 giorni, prima di postare ulteriori notizie in proposito ed, eventualmente, esprimere la nostra personale opinione sull'accaduto.
Intanto partiamo con la dichiarazione di Jack Soden, inerente la consegna della medaglia in onore di Elvis Presley:
"Per conto della famiglia Presley, degli amici di Elvis e di milioni di fans, sarà un grande onore accettare questo premio.

Elvis amava il suo Paese, ha servito con orgoglio l'Esercito Americano e non ci sono dubbi sul fatto che avrebbe considerato questo premio uno dei più grandi onori della sua vita. 
Non vediamo l'ora di mostrarlo orgogliosamente  a Graceland, in modo che milioni di visitatori da tutto il mondo abbiano la possibilità di ammirarlo da vicino".

Ma dov'era Priscilla Presley nel frattempo?
Priscilla, purtroppo, oseremmo dire, era con Michael Bublé (???), mentre quest'ultimo riceveva, commosso, la stella sulla Hollywood Walk Of Fame.
Michael Bublé, nel 2015, pubblicò un duetto con Elvis Presley, in un remake della canzone "Fever", che il cantante definì come il punto più alto della sua carriera, e Priscilla dichiarò che ad Elvis sarebbe piaciuta moltissimo la voce del giovane artista.

Quello con Bublé era un impegno così importante per Priscilla, da dover mettere da parte un riconoscimento PRESIDENZIALE per Elvis Presley?
E Lisa Marie, dov'era?
Non ci è dato saperlo...

Come Fan Club Ufficiale abbiamo cercato di avere sempre il massimo rispetto per la famiglia Presley, perchè ritenuta meritevole e perchè, soprattutto, si è sempre partiti dal presupposto che Elvis Presley avrebbe voluto questo tipo di atteggiamento nei confronti della sua famiglia!
Ma davanti ad avvenimenti come questo, non si può fare finta di niente e non si può fare a meno di puntualizzare e far presente la propria grande disapprovazione!

Non c'è bisogno di insultare, usando chissà quali epiteti, ma, educatamente, si può dire che Priscilla e Lisa Marie Presley hanno sbagliato a non presentarsi a Washington, mandando Jack Soden.
Jack Soden è sicuramente una persona degnissima di fare le veci della Elvis Presley Enterprises, visto che fa questo mestiere in modo eccellente dal 1982, ma ci sono situazioni in cui, a nostro avviso, non si può delegare "altri", ma bisogna esserci di persona, mettendo da parte qualsiasi motivazione di carattere politico, sociale, civile o di qualsiasi altra natura.

Nel momento in cui si è deciso di portare avanti un progetto enorme come la musica e l'immagine di Elvis Presley nel modo in cui ha deciso di farlo Priscilla 41 anni fa, bisogna rendersi conto che ci sono da ingoiare molti bocconi dolci e buoni, ma anche qualcuno amaro! E quello amaro va ingoiato col sorriso ed, in questo caso, con orgoglio e felicità per il premio ricevuto...se veramente sta a cuore la memoria di Elvis Presley!
Alla fine dei conti, Elvis Presley ha solo dato occasioni a tutti di ricevere premi ed onorificenze che lui, purtroppo, non può più ritirare personalmente, pertanto non ci sono scusanti per non mostrarsi in pubblico a suo nome. Anzi...!
Il torto, inoltre, oltre che ad Elvis, viene fatto anche ai milioni di fans in tutto il mondo che, da sempre, danno il loro supporto a tutta la famiglia Presley, sia ad Elvis che non c'è più, sia a tutti coloro che sono rimasti e che a lui erano cari; ed è ancora più deplorevole il fatto di aver preferito, da parte di Priscilla, presenziare ad un'altra cerimonia (quella di Michael Bublé) piuttosto che a quella per colui a cui ha deciso, a suo dire, di dedicare il suo lavoro e la sua vita in tutti questi anni.
La speranza è ancora di vedere, nei prossimi giorni, un comunicato da parte di Priscilla o Lisa Marie Presley che possa smentire questo sentimento di delusione, tristezza e anche un po' di rabbia, per un atteggiamento che non è davvero comprensibile!

A tal proposito, Billy Smith, cugino di Elvis Presley, ha lasciato un post su Facebook nelle ultime ore, nel quale dichiara:
"Ho riflettuto per ore se volessi dire qualcosa oppure no riguardo l'assegnazione della Presidential Medal Of Freedom ad Elvis. Beh, più ci pensavo e più mi incazzavo.
Ricordo quanto è stato orgoglioso del premio "Ten Outstanding Men Of The Year" e del suo distintivo Federale.
Se Elvis fosse stato qui per ricevere questo onore, sarebbe stato quello più importante per lui. Non credo sia stato appropriato che Jack Soden che, per quanto ne so, non ha mai conosciuto Elvis, sia stato mandato ad accettare il premio a suo nome.

Penso che questo sia più importante di tutti i tagli di nastri dei vari eventi, dei festeggiamenti per il compleanno, e di tutti gli eventi a cui sua figlia ed i suoi nipoti o la sua ex moglie sono in grado di prendere parte. Trovo molto, molto irrispettoso che nessuno di loro abbia potuto trovare il tempo di prendere parte a questo grande onore per Elvis. 
E' mia opinione che non ci siano scuse!
Se questo offende qualcuno, pazienza... Dovevo solo esprimere il mio pensiero".

Chi gli può dare torto?!? 😞

domenica 11 novembre 2018

ELVIS PRESLEY - DUE NUOVI RICONOSCIMENTI IN UNITED KINGDOM

Sono stati conferiti due nuovi riconoscimenti per le vendite dalla British Phonographic Industry (B.P.I.) in UK.
1) Disco d'argento per il singolo "Always On My Mind", pubblicato il 14 Novembre 2004.
La certificazione è avvenuta il 26 Ottobre 2018 per aver venduto oltre 200.000 copie (sia digitali che fisiche).
2) Gold Video per il dvd "The Elvis Collection", pubblicato il 29 Settembre 2011. La certificazione è avvenuta il 09 Novembre per aver venduto oltre 25.000 copie dalla sua pubblicazione.

NOTE:

La B.P.I. rappresenta le case discografiche in Gran Bretagna, tra cui le più prestigiose e impotanti, ossia Sony, Warner, Universal ed EMI.
Dal 1973, anno della sua costituzione, certifica e premia le vendite di dischi in UK in base alla seguente tabella:

DISCO SINGOLO:
Disco d'argento: 200.000 copie
Disco d'oro: 400.000 copie
Disco di platino: 600.000 copie

ALBUM:
Disco d'argento: 60.000 copie
Disco d'oro: 100.000 copie
Disco di platino: 300.000 copie

martedì 6 novembre 2018

06 NOVEMBRE 1948 - 2018: 70° ANNI FA I PRESLEY PARTIVANO PER MEMPHIS

Il 06 Novembre 1948, esattamente 70 anni fa, la famiglia Presley decise di lasciare Tupelo, nel Mississippi e spostarsi a circa 80 miglia a nord-ovest, a Memphis, nel Tennessee.
Per salutare i suoi compagni di classe alla Milam Junior High School, l'insegnante gli concesse 30 minuti ed Elvis decise di cantare per loro la canzone tradizionale "Leaf On A Tree".
Da quel momento in poi, la città di Memphis ha visto crescere Elvis Presley; l'ha visto, passo dopo passo, dirigersi verso il successo che lo ha reso l'artista più famoso ed acclamato di tutti i tempi, fonte di ispirazione per musicisti di ieri e di oggi.
L'ha  visto sempre tornare da Hollywood, da Las Vegas e dalle oltre 100 città in cui si è esibito in tutti gli Stati Uniti d'America ed in cui ha portato la sua musica ed il suo enorme talento.

Memphis e Graceland, per Elvis, sono sempre stati sinonimo di "casa", gli unici luoghi in cui è sempre tornato perchè solo lì riusciva a sentirsi veramente protetto.
Il 16 Agosto 1977 questa città ha visto morire il suo più grande artista, il suo Re, a cui da 41 anni non smette di rendere omaggio.

LA CITTA' DI MEMPHIS:
La città di Memphis è situata nella parte sud-ovest dello Stato del Tennessee, a sud della confluenza tra i fiumi Wolf e Mississippi, ed è la città principale della contea di Shelby.
E' la città più grande del Tennessee e la terza nell'area sud-est degli USA e la 19^ degli Stati Uniti D'America, oltre ad essere la città più giovane tra le 4 principali del Tennessee. I suoi abitanti si chiamano "Memphians".

CENNI STORICI: 
L'area di Memphis fu inizialmente sottoposta alla cultura del Mississippi e poi alla cultura indiana dei Chicksaw.
Gli europei arrivarono molti anni dopo, con l'esploratore spagnolo Hernando De Soto e il francese René Robert Cavalier.
I tedeschi e gli irlandesi furono i primi ad insediarsi nel territorio.
Memphis fu fondata nel 1819 e il suo nome deriva dall'antica capitale dell'Egitto sulla riva del Nilo.
Poichè il mercato del cotone dipendeva dal lavoro di un grande numero di schiavi afro-americani, Memphis divenne il luogo principale del mercato di schiavi.
Nel 1857 la ferrovia Memphis-Charleston fu completata e fu la sola ferrovia che collegava da est ad ovest gli Stati del Sud prima delle guerra civile.
Dal 1910 al 1950 Memphis fu il covo della politica sotto la direzione di E.H. "Boss" Crump e, durante questo periodo, la città si sviluppò a livello di lavori pubblici come parte del "City Beautiful Movement".
BEALE STREET - MEMPHIS
Negli anni '60 divenne il centro delle lotte per i diritti civili: a tale proposito è tristemente famosa per l'assassinio di Martin Luther King Jr., avvenuto il 04 Aprile 1968 al Lorraine Motel.
Tra i lati positivi di questa città non si può tralasciare uno degli aspetti primari della sua celebrità: la musica e i musicisti che provengono da questi luoghi. 
Nelle sue strade e nei sobborghi sono fioriti artisti del calibro di Elvis Presley, Muddy Waters, Carl Perkins, Johnny Cash, B.B. King.... e molti altri.
Il mese di Maggio è mese di festeggiamenti a Memphis, chiamato "Memphis In May": durante questo periodo hanno luogo vari festeggiamenti che si rifanno alla cultura della popolazione.
I 4 eventi principali sono: Beale Street Music Festival, International Week, the World Championship Barbecue Cooking Contest, the Sunset Symphony.

Le attrazioni principali della città sono:
National Civil Right Museum: si trova nel Lorraine Motel, dove Martin Luther King Jr. venne assassinato;
Brooks Museum Of Art: fondato nel 1916 è il più antico e grande museo dell'arte del Tennessee;
Graceland: la casa di Elvis Presley (che tutti conosciamo);
Pink Palace: museo di storia e scienze;
Memphis Walk Of Fame: situata in Beale Street, prende spunto dalla "Hollywood Walk Of Fame", il marciapiede dove sono collocate le stelle con i nomi delle star. In quel di Memphis sono presenti solamente i nomi dei musicisti della città;Sun Studio: lo studio di registrazione di Sam Phillips, in cui Elvis Presley diede vita al suo primo disco.

In questo sito - clicca qui! - in cui si parla di Memphis, viene menzionato anche il nostro "Grazie Elvis Fan Club", con tanto di fotografia!